Art. 1 - VENDITE AD ASTE PUBBLICHE
Chiunque firmi il modulo di conferma di acquisto assume in proprio tutte le obbligazioni dell'aggiudicatario, tranne nel caso in cui abbia depositato presso la Segreteria della S.G.A. l'apposito modulo di delega regolarmente compilato e sottoscritto.
La responsabilità della S.G.A. nei confronti delle parti è contenuta nei limiti fissati nel presente regolamento.

Art. 2 - MODALITA' D'ASTA
La S.G.A. si riserva il diritto di rifiutare l'aggiudicazione ad acquirenti che notoriamente non offrano garanzie di solvibilità.
Sarà tra l'altro reputato tale l'offerente che non avrà regolato una precedente aggiudicazione nei modi stabiliti dal regolamento vigente all'epoca dell'acquisto.
Nel caso venga accertato, con decisione di esclusiva pertinenza del Direttore dell'Asta, che due o più acquirenti abbiano effettuato un'offerta equivalente, nello stesso tempo, sullo stesso cavallo (sia a voce sia a mezzo di un segno) e che entrambi reclamino quel cavallo dopo l'aggiudicazione, il cavallo oggetto della contestazione sarà immediatamente rimesso in aggiudicazione al prezzo ultimo che lo stesso ha raggiunto in quelI'asta e tutto il pubblico presente sarà ammesso a licitare di nuovo il cavallo. Il cavallo sarà così aggiudicato al miglior offerente.
Le offerte effettuate dopo la caduta del martello e l'aggiudicazione sono inefficaci.
La decisione del Direttore dell'Asta, riguardo i 2 commi precedenti, è vincolante per le parti ed inappellabile.
Il banditore in via generale e di massima condurrà la licitazione accettando offerte in aumento in misura non inferiore a:
Euro 500 fino a Euro 25.000
Euro 1.000 da Euro 25.000 a Euro 50.000
Euro 2.500 da Euro 50.000 in su

Art. 3 - INFORMAZIONI DA FORNIRSI DAL MANDANTE
Il mandante è tenuto a fornire l'indicazione del proprietario del cavallo che verrà inserita nel catalogo in testa alla pagina. Il mandante è tenuto a fornire alla S.G.A. tutti quei dati riguardanti il cavallo da porre all'asta da rendere di pubblica conoscenza sia a mezzo catalogo che per la voce del banditore. Il mandante è l'unico responsabile della veridicità dei dati forniti e resi di pubblica ragione. In mancanza dei dati forniti dal mandante la S.G.A. è autorizzata a pubblicare in catalogo i dati in proprio possesso. Il mandante è tenuto a segnalare per iscritto, prima della vendita, alla S.G.A. gli errori o le omissioni contenute nel catalogo affinchè le stesse siano segnalate al pubblico all'atto delI'asta dal banditore. La S.G.A. non può essere ritenuta responsabile riguardo la qualificazione a corse (EBF, FIA, BC etc.) e la nazionalità dei soggetti venduti in asta (ex art. 123 del Regolamento delle Corse); le informazioni che compaiono in catalogo sono indicative, ed è comunque esclusa qualsiasi responsabilità della S.G.A. in proposito.

Art. 4 - ASSEGNAZIONE NUMERI IN CATALOGO
I numeri in catalogo sono assegnati, per giornata, secondo la lettera iniziale del nome della madre del cavallo iscritto. Nel 2001, in occasione della prima asta yearlings SGA fu adottata la lettera "S", da allora, per ogni tipo di asta successiva, ad eccezione delle aste aperte ai cavalli in allenamento di ogni età, si considera la quinta lettera dopo la precedente (linguaggio computer) e così di seguito. Per quest'asta è stata adottata la lettera "***".

Art. 5 - CERTIFICATI Dl ORIGINE E SANITA'
I cavalli partecipanti all'asta dovranno essere accompagnati dai documenti seguenti:
- ricevuta deposito certificato di origine rilasciata dall'UNIRE Area Galoppo;
- libretto segnaletico rilasciato dall'UNIRE Area Galoppo;
- certificato di sanità del soggetto in vendita e della zona di provenienza dello stesso redatto dal Veterinario ASL;
- attestazione dell'avvenuta prova di Coggins-Test (anemia infettiva), con esito negativo, riportata sul libretto segnaletico secondo le disposizioni vigenti;
- certificato attestante le avvenute vaccinazioni antinfluenzali, secondo la normativa dell'UNIRE Area Galoppo.

VACCINAZIONI ANTINFLUENZALI
- 1a vaccinazione;
- 2a vaccinazione dopo 21 ed entro 92 giorni (1 - 3 mesi) dalla 1a vaccinazione;
- 3a vaccinazione dopo 150 ed entro 215 giorni (5 - 7 mesi) dalla 2a vaccinazione;
- ogni successivo richiamo con intervallo massimo di 12 mesi dal precedente intervento vaccinale
Un cavallo, per poter partecipare a corse, deve aver ricevuto almeno i primi 3 interventi vaccinali antinfluenzali.
Qualora gli intervalli tra le somministrazioni vaccinali non siano regolari, cioè superiori ai tempi minimi richiesti, il cavallo non è ammesso alla partecipazione a corse e deve essere sottoposto ad un nuovo programma vaccinale che non tenga in considerazione le precedenti vaccinazioni.
Un cavallo non è ammesso a correre se ha ricevuto una vaccinazione nei 7 giorni precedenti la corsa.
Sono altresì esclusi dalle corse i cavalli la cui documentazione vaccinale non è regolare (ad esempio vaccini scaduti nel momento dell'intervento vaccinale, fustelle alterate, irregolarità formali, ecc..).
Le vaccinazioni antinfluenzali, dovranno essere riportate sul libretto segnaletico con indicato quanto segue:
- Fustella della confezione del prodotto somministrato annullata con indicazione della stessa, in modo leggibile, la data di somministrazione, motivo, luogo della vaccinazione, Timbro e Firma del Veterinario.
La mancanza del libretto segnaletico è giustificata solo nel caso l'UNIRE Area Galoppo dichiari per iscritto al mandante o alla S.G.A. che i documenti sono in via di spedizione. In questo caso il mandante dovrà esibire:
a) fotocopia denuncia di nascita in bollo all'UNIRE Area Galoppo completa di versamenti ed allegati.
b) modulo dati segnaletici debitamente compilato da Veterinario.
c) dichiarazione di totale manleva da ogni responsabilità della S.G.A. per l'eventuale mancata consegna dei documenti dal mandante all'acquirente.
I documenti dovranno essere consegnati alla Segreteria della S.G.A. all'arrivo dei cavalli nel recinto d'asta (prima dello scarico dei cavalli dal van) per consentirne la verifica da parte di veterinario incaricato dall'organizzazione d'asta. Tutti i mandanti sono obbligati a consentire il prelievo di sangue dei soggetti iscritti a questa asta onde effettuare la testificazione ai fini dell'Arterite virale qualora le disposizioni vigenti lo prevedessero.


Art. 6 - GARANZIA DA PARTE DEL MANDANTE - ESCLUSIONE DI OGNI RESPONSABILITA' DELLA S.G.A.
E' esclusa ogni responsabilità della S.G.A, conseguente alla vendita: il solo ed esclusivo responsabile verso l'acquirente è il mandante, così come l'acquirente è il solo ed esclusivo responsabile verso il mandante per il pagamento del prezzo.
Si precisa in particolare che la S.G.A. non è tenuta a conoscere l'esistenza di vizi redibitori dei cavalli partecipanti all'asta.
I cavalli presentati e venduti ad asta pubblica sono, secondo l'uso e salvo indicazioni speciali, venduti senza alcuna garanzia, "alla capezza", salvo quanto disposto nel presente articolo e nel successivo art. 7.
Il mandante è tuttavia tenuto a dichiarare i seguenti vizi:
- ticchio aerofagico e d'appoggio;
- oftalmia periodica (luna);
- il "girare" nel box;
- ballo dell'orso (con traslazione di peso fra gli arti).
Ove non dichiarati, l'acquirente potrà inoltrare reclamo entro 8 giorni dalla data d'acquisto. Tutti i reclami per vizi di cui sopra dovranno essere inoltrati dall'acquirente direttamente sia al mandante che alla S.G.A., che potrà bloccare l'importo ricevuto per la vendita fino a definizione della vertenza su conto non fruttifero per i contraenti.
In caso di vizio redibitorio il cavallo verrà messo, a spese dell'acquirente, in una clinica veterinaria indicata dalla casa d'aste per attestare e documentare la natura e veridicità del vizio.

La vendita all'asta di un soggetto affetto da paralisi alla laringe o da incarceramento dell'epiglottide, dà luogo alla risoluzione del contratto per patto accettato da tutti coloro che iscrivano cavalli all'asta a condizioni che il cavallo non sia stato rimosso dal compratore dai recinti dell'Asta.
L'acquirente, ove abbia ragione di ritenere che il cavallo sia affetto da paralisi alla laringe o da incarceramento dell'epiglottide ha diritto entro le ore 12 del giorno successivo all'aggiudicazione, e comunque senza rimuovere il soggetto dai recinti dell'Asta, a sottoporre alla prova della lunghina (o wind test) o, in alternativa qualora concordato alla prova endoscopica il soggetto. Qualora il veterinario rilevi rumori sospetti alla respirazione, e solo in tale caso, provvederà mediante apposito modulo, alla notifica alla Segreteria S.G.A. della certificazione veterinaria. La S.G.A. provvederà immediatamente a comunicare al mandante la contestazione. Il mandante avrà diritto entro le 24 ore dalla notifica, a far effettuare la medesima prova da veterinario di sua fiducia. In caso di disaccordo tra le diagnosi dei due professionisti di parte, mandante ed acquirente si rimetteranno alla decisione vincolante di un terzo veterinario nominato dalla S.G.A. che avrà facoltà di effettuare la prova endoscopica.In caso di sussistenza del vizio, ove l'acquirente abbia pagato il prezzo del soggetto, la S.G.A. è autorizzata a restituirlo.
I reclami degli acquirenti per qualsiasi altra causa dovranno pure essere dall'acquirente notificati al mandante ed alla S.G.A. Nessun reclamo potrà comunque essere inoltrato al mandante da parte dell'acquirente se quest'ultimo non avrà effettuato il pagamento del cavallo contestato; la S.G.A. potrà, a proprio insindacabile giudizio, bloccare l'importo versato dall'acquirente fino a definizione della vertenza su un conto non fruttifero per i contraenti. In caso di annullamento della vendita il mandante sarà tenuto a pagare i diritti d'asta pari al 5% del prezzo di aggiudicazione. La S.G.A. raccomanda ai sigg. acquirenti di ispezionare attentamente i puledri prima dell'eventuale acquisto, richiedendo direttamente al mandante, ove lo ritengano opportuno, di effettuare a proprie spese accertamenti radiografici. L'allevatore potrà, da parte sua, depositare ogni documentazione veterinaria presso la Segreteria per l'esame da parte di possibili acquirenti.

Art. 7 - DIVIETO DI USO DI FARMACI
E' fatto esplicito divieto al venditore di utilizzare farmaci antinfiammatori e l'uso di steroidi anabolizzanti e di ogni altra sostanza indicata dal Regolamento delle Corse UNIRE, ad eccezione delle sostanze utilizzate a titolo di cura, purchè preventivamente denunciate. La S.G.A. si riserva di compiere controlli al riguardo, in ottemperanza al Regolamento delle Corse UNIRE.
L'acquirente potrà altresì richiedere l'effettuazione di tali controlli a proprie spese entro e non oltre 24 ore dalla aggiudicazione e comunque prima che il soggetto esca dal comprensorio aste.
L'eventuale esito positivo di tali controlli dovrà essere comunicato senza indugio dall'acquirente al mandante, il quale avrà diritto di fare eseguire ulteriori analisi da parte di propri incaricati.
In caso di disaccordo tra le analisi, mandante ed acquirente si rimetteranno alla decisione vincolante di un terzo laboratorio nominato dalla S.G.A. In caso di definitivo accertamento dell'uso dei farmaci di cui sopra la vendita potrà essere annullata ai sensi dell'Art. 6.

Art. 8 - OBBLIGHI DIVERSI DEL MANDANTE
I cavalli destinati ad essere messi in vendita all'Asta dovranno essere in sito anticipatamente sull'ora della vendita al fine di essere visionati dagli acquirenti (almeno 24 ore prima del passaggio all'asta). I mandanti sono obbligati ad assicurare la presenza di un uomo di scuderia, da loro pagato ed agente sotto la loro responsabilità, per la custodia di un numero non superiore a n. 4 cavalli per ogni uomo addetto.

Art. 9 - OBBLIGHI DEL MANDANTE E DELL'ACQUIRENTE RIGUARDO ALL'I.V.A. E ALLA RITENUTA D'ACCONTO
A - I.V.A.
Tutti gli importi dovuti alla S.G.A. ed a carico del mandante e/o dell'acquirente sono assoggettati ad l.V.A. del 20%.
B - Ritenuta d'acconto
Ai sensi dell'art. n. 25 bis del DPR 29/9/73 n. 600, sugli importi dovuti per i diritti d'asta (escluso iscrizione, assenza e penali) da parte di chi, nell'esercizio d'impresa effettua l'acquisto od il riacquisto di un cavallo all'asta dovrà essere effettuata una ritenuta del 23%. Tale ritenuta è da conteggiare sul 20% dell'imponibile dovuto alla S.G.A. (esempio: imponibile diritto d'Asta come da fattura S.G.A.Euro 300,00, 20% pari a Euro 60,00, 23% di Euro 60,00 = 13,80, codice tributo 1038).
Sono esonerate dall'effettuare la ritenuta le Aziende Agricole il cui titolare sia una persona fisica. Rammentiamo le vigenti disposizioni in tema di ritenute d'acconto. Con l'entrata in vigore della nuova disciplina dei versamenti unificati (imposte e contributi), i versamenti delle ritenute vanno effettuati utilizzando il Modello F24, pagabile sia in banca che presso gli uffici postali.

Art. 10 - PREZZI MINIMI Dl VENDITA
Il prezzo minimo di aggiudicazione è di Euro ***

Art. 11 - RESPONSABILITA' PER DANNI
Fino al momento dell'aggiudicazione i cavalli in vendita restano di proprietà del mandante. La S.G.A. non potrà essere resa responsabile nè degli incidenti nè delle malattie o danni qualsiasi che siano causati ai cavalli o causati da questi a terzi sia all'interno che all'esterno del luogo ove si svolge l'asta. Qualsiasi rischio resta a carico del mandante. Ad aggiudicazione avvenuta l'acquirente si sostituisce al mandante per tutte le responsabilità sopra riportate.
Ove all'uscita del ring l'acquirente non prenda possesso del cavallo, lo stesso sarà riportato dal mandante nel proprio box ma la custodia e la cura dello stesso saranno di esclusiva responsabilità dell'acquirente o di un suo agente.
Il mandante è tuttavia obbligato ad assicurare la presenza di propri incaricati per 2 ore dopo il termine dell'Asta. Trascorso tale termine egli potrà lasciare il comprensorio dandone comunicazione all'ufficio S.G.A.
Entro 2 ore dall'acquisto l'acquirente munito del documento di cui al successivo Art. 12 provvederà, in alternativa:
a) al ritiro del cavallo acquistato
b) a comunicare la presa in custodia del cavallo acquistato all'Ufficio S.G.A. presso i boxes.
c) a chiedere alla S.G.A. di provvedere per le successive 24 ore all'alimentazione del cavallo previa sottoscrizione di un apposito modulo di manleva, con addebito delle spese di pensione per ogni giorno successivo.

Art. 12 - PAGAMENTO DA PARTE DELL'ACQUIRENTE
Tutte le vendite s'intendono concluse al momento dell'aggiudicazione "per contanti". Qualsiasi altra forma di pagamento dovrà essere preventivamente concordata con la S.G.A. La S.G.A., a suo insindacabile giudizio, si riserva di accettare assegni di conto corrente.
Dopo l'aggiudicazione il compratore dovrà firmare il modulo di conferma d'acquisto nel quale indicherà le generalità fiscali per la fatturazione.
Qualora l'acquirente non dovesse rispettare l'impegno di pagamento del prezzo di aggiudicazione, il mandante avrà diritto a procedere in via coattiva direttamente ed esclusivamente nei confronti dell'acquirente.
Soltanto il possesso del modulo di conferma d'acquisto controfirmato dalla S.G.A. varrà per il ritiro del cavallo dai recinti dell'Asta. Fermo restando gli obblighi nei confronti della S.G.A., di acquirente e mandante, le parti potranno convenire forme e/o modalità di pagamento diverse con ciò sollevando la S.G.A. da ogni responsabilità per le formalità di cui all'Art. 14. Tutti i pagamenti dovranno essere effettuati tramite la S.G.A. Se non verranno rispettate le condizioni sopra descritte, dall'emissione della fattura decorreranno gli interessi calcolati nella misura del prime-rate più il 3%, fino al giorno dell'avvenuto pagamento. Il pagamento dei soggetti da esportare dovrà essere effettuato secondo le disposizioni vigenti attraverso l'Ufficio Italiano dei Cambi. La S.G.A. fornirà la relativa assistenza. Analogo interesse sarà applicato sui diritti d'asta dovuti alla S.G.A..
E' facoltà della SGA cedere il credito a terzi o chedere l'anticipo dello stesso presso Istituti di Credito.

Art. 13 - DOCUMENTI DI IDENTITA' E DI PASSAGGIO DI PROPRIETA'
Tutti i documenti di identità del cavallo acquistato verranno consegnati ed il passaggio di proprietà effettuato solo dopo il pagamento del prezzo di vendita e dei diritti d'asta alla S.G.A. ed il ricevimento di una dichiarazione del venditore liberatoria verso la S.G.A. rispetto al prezzo di vendita.

Art. 14 - PAGAMENTO AL MANDANTE

La S.G.A. effettuerà di norma il pagamento al mandante trascorsi 60 gg. dalla emissione fattura, salvo il caso in cui, nel frattempo, sia insorta controversia tra mandante ed acquirente e previa consegna dei documenti del cavallo venduto.
Ove fra i mandanti siano messe in atto forme di tutela e garanzia reciproca le norme di tale forma di tutela saranno applicate ai pagamenti ai mandanti divenendo parte del Regolamento.

Art. 15 - ACQUISTI DA PARTE Dl NON RESIDENTI IN ITALIA
Gli acquirenti non residenti che, partecipando alle aste intendano effettuare offerte di acquisto, possono farlo soltanto se il cavallo è destinato all'esportazione.
In caso contrario debbono operare a mezzo di un institore (art. 2203 - codice civile) munito di tutti i poteri inerenti, con procura autenticata, il quale assume in proprio l'obbligazione relativa al pagamento del prezzo ed accessori.
La fattura sarà emessa a nome del non residente (che dovrà essere munito di codice fiscale in Italia) e per esso al suo rappresentante in Italia come sopra qualificato.

Art. 16 - DIRITTI D'ASTA E ONERI DOVUTI DA MANDANTE ED ACQUIRENTE
Il mandante potrà fissare un prezzo di riserva, ovvero, il prezzo minimo al quale il cavallo può essere venduto, esclusivamente per iscritto su apposito modulo da consegnare alla Segreteria che ne rilascerà copia e ciò fino a 30 minuti prima del passaggio all'Asta.
Il mandante potrà, in alternativa, partecipare personalmente all'asta o tramite persona di sua fiducia, preventivamente segnalata.

A CARICO DEL MANDANTE:
- ISCRIZIONE all'asta Selezionata: l'importo è fissato in
- per la 1ª sessione: Euro 1.000,00 (+ IVA 20%) - SOCI ANAC Euro 800,00 (+ IVA 20%)
- per la 2ª sessione: Euro 500,00 (+ IVA 20%) - SOCI ANAC Euro 400,00 (+ IVA 20%)
L'importo dà diritto al mantenimento gratuito dei puledri iscritti durante il periodo d'asta.
In caso di assenza di un cavallo figurante in catalogo nulla sarà dovuto in caso di morte (opportunamente documentata con certificato redatto da veterinario ASL) o in caso di infortunio, dietro presentazione di certificato veterinario, da esibire a S.G.A. fino a 48 ore prima dell'inizio d'asta (e non oltre) e che sia accettato da S.G.A.
In tale caso S.G.A. si riserva di accertare l'entità del danno attraverso una visita fiscale.

In tutti gli altri casi sarà dovuto, oltre alla iscrizione, il diritto di:

ASSENZA: pari al 2% sul prezzo medio di ogni giornata d'asta.
Nessun cavallo iscritto all'Asta potrà partecipare ad Aste estere ed italiane, precedenti l'Asta stessa, pena la sua esclusione dalla partecipazione all'Asta con relativo pagamento, oltre all'iscrizione, di penale d'importo pari all'iscrizione stessa, e di relativo diritto d'assenza.

- DIRITTO DI RIACQUISTO (franchigia di € 10.000):
- in caso di riacquisto, dichiarato sul modulo d'aggiudicazione o in caso di comunicazione del prezzo di riserva: 2% (+IVA 20%) sulla cifra eccedente la franchigia,
- in caso di riacquisto non dichiarato sul modulo di aggiudicazione: 5% (+IVA 20%) sul prezzo di aggiudicazione

- DIRITTO DI VENDITA: 2% (+ IVA 20%) sul prezzo di vendita
- rimborso spese del personale eventualmente addetto alla presentazione dei puledri
La S.G.A. è autorizzata a trattenere le suddette somme sul prezzo di vendita che le verrà versato.
Il documento di vendita viene emesso secondo le seguenti disposizioni:
1) venditore in regime normale I.V.A. che applica l'imposta nei modi ordinari di cui al comma 11 dell'Art. 34 DPR 633/72:
- fattura con applicazione di I.V.A. del 20% sul prezzo di vendita
2) venditore produttore agricolo in regime speciale agricolo:
a) agricoltori in regime speciale di non esonero con qualsiasi volume di affari :
- fattura con applicazione di I.V.A. del 20% sul prezzo di vendita;
b) agricoltori in regime speciale di esonero con volume d'affari - realizzato nell'anno solare precedente - fino a euro 2.582,28 (euro 7.746,85 per i comuni montani).
Il volume di affari deve essere costituito per almeno 2/3 da cessione di prodotti agricoli compresi nella Tabella A, parte I, DPR 633/72
- dichiarazione da parte del venditore produttore agricolo da cui risulti il regime di esonero dall'emissione della fattura;
- emissione di autofattura da parte dell'acquirente che agisce quale esercente attività di impresa, con applicazione della percentuale di compensazione pari al 7,30% già ricompresa nell'importo di aggiudicazione del cavallo;
c) agricoltori in regime semplificato con volume d'affari - realizzato nell'anno solare precedente - superiore a Euro 2.582,28 (Euro 7.746,85 per i comuni montani) e fino a Euro 20.658,28. Il volume di affari deve essere costituito per almeno 2/3 da cessione di prodotti agricoli compresi nella Tabella A, parte I, DPR 633/72:
-fattura con applicazione di I.V.A. del 20% sul prezzo di vendita;
3) venditore privato non in possesso di partita I.V.A.
- emissione di una quietanza da consegnarsi all'acquirente (sia privato che esercente attività di impresa) con applicazione di marca da bollo da euro 1,81 con la seguente annotazione: "Operazione esclusa dal campo di applicazione I.V.A. per mancanza del presupposto soggettivo ai sensi degli artt. 1 e 4 del DPR 633/72".
I mandanti sono tenuti a segnalare per iscritto alla Amministrazione della S.G.A. gli estremi per procedere alla fatturazione dei soggetti venduti all'asta (regime IVA applicato, numero progressivo fattura e data di emissione). In mancanza di tale segnalazione il termine per il pagamento sarà differito.

A CARICO DELL'ACQUIRENTE:

- IVA sul prezzo di aggiudicazione del cavallo in base al punto 1) e 2) di cui sopra, salvo esclusione;
- DIRITTO DI ACQUISTO 5% (+ I.V.A. 20% e ritenuta, se dovuta, con la normativa riportata all'art. 9) sul prezzo di aggiudicazione, diritti d'Asta a favore S.G.A., sia che il cavallo sia stato venduto sotto il martello del banditore o che venga venduto all'amichevole (art. 18).Il diritto d'Asta verrà applicato anche sull'importo di eventuali riserve sui premi vinti comunicati alla S.G.A.;
- Euro 64,62 (Euro 50,00 diritto passaggio di proprietà + Euro 14,62 marca da bollo) dovuto all'UNIRE Area Galoppo per diritto passaggio di proprietà. Tale passaggio sarà effettuato solo ad avvenuto saldo dell'importo dell'acquisto e dei diritti d'asta relativi. pagamenti dovranno essere effettuati in euro.

Art. 17 - ISCRIZIONI
Qualora un cavallo sia dichiarato in vendita all'asta con le sue iscrizioni (italiane o estere) I'acquirente sarà tenuto ad assumere a proprio carico i ritiri a venire. Il mandante sarà responsabile per le iscrizioni non segnalate per iscritto.

Art. 18 - VENDITE ALL'AMICHEVOLE
Per ogni cavallo venduto all'amichevole, iscritto nel presente catalogo e che non abbia trovato acquirenti nel corso della vendita all'asta, e fino al trentesimo giorno susseguente la data dell'asta, l'acquirente ed il mandante dovranno corrispondere alla S.G.A. i diritti d'asta sul prezzo di vendita dichiarato. Alle stesse si applica il presente regolamento.

Art. 19 - VERTENZE
Per qualsiasi controversia è eletto Foro competente, in via esclusiva, quello di Milano.